Family and Media

familyandmedia.eu

You are here: Home Topics Publications and Documents Book reviews Educar hij@s interactiv@s. Una reflexión práctica sobre las pantallas

Educar hij@s interactiv@s. Una reflexión práctica sobre las pantallas

E-mail Print
There are no translations available.

Fernando García Fernández e Xavier Bringué Sala. Educar hij@s interactiv@s. Una reflexión práctica sobre las pantallas (“Educare figli interattivi. Una riflessione pratica sugli schermi”). Instituto de Ciencias para la Familia. Universidad de Navarra, 2007

Magnifica guida per orientare i genitori e gli educatori  sul “buon governo” degli schermi (internet, videogiochi e telefoni cellulari) sui loro figli e studenti. Gli autori del breve saggio, pieno di buon senso pedagogico, hanno un’ampia esperienza educativa con bambini e adolescenti, sono docenti e ricercatori della Facoltà di comunicazione dell’Università di Navara e hanno effettuato studi riconosciuti internazionalmente sull’uso dei mezzi digitali da parte dei bambini e dei giovani, in Spagna e in America Latina. (www.educared.net/generacionesinteractivas).

Nel primo capitolo del libro si fornisce una descrizione realista sulle ragioni psicologiche e caratteriali della generazione interattiva, che presumibilmente resta legata ad un “sistema tecnologico culturale” di apprendimento diverso dalla cultura orale o anche di una cultura visiva passiva (tv). Si individuano sommariamente, senza pretesa scientifica, i vantaggi e gli svantaggi della generazione digitale contro la generazione letteraria: i giovani o gli adulti “digitali” sono più veloci per cercare ed elaborare informazioni rilevanti, si mostrano capaci di sviluppare diverse attività simultaneamente (multitasking), accedono ai testi in un modo non lineare e consequenziale, sono più attivi e “connettivi” (non necessariamente più comunicativi) e hanno più fantasia. Al contrario, hanno maggiori difficoltà con il pensiero astratto e le conoscenze umanistiche, hanno più difficoltà a perseverare o a non arrendersi davanti alla mancanza di risultati immediati per le loro ricerche o lavori, sono meno propensi alla riflessione e alla contemplazione e tendono a essere meno generosi.

Ciascuno dei capitoli successivi si occupa di uno degli “schermi”: internet, videogiochi e telefoni cellulari. Si indaga sui loro usi a partire da uno studio su 10.000 scolari spagnoli – quanto, come si usano e cosa offrono questi mezzi – e il capitolo si chiude con “conclusioni pratiche applicabili alla educazione familiare” Alla fine del libro si fornisce una lista utile, anche se selettiva e soprattutto in lingua spagnola, sui siti web per approfondire in alcuni degli aspetti trattati, oltre alle altre referenze bibliografiche.

Lontano da atteggiamenti allarmistici o da ingenua venerazione idolatra delle nuove tecnologie, il libro parte da un principio educativo elementare, che traduce poi in criteri applicativi di buon senso per le situazioni reali, con i dati alla mano di ciò che è offerto da questi nuovi mezzi: “I bambini possono superare – e in effetti superano – i loro genitori nell’informatica, però necessitano ancora dei genitori che li educhino e aiutino loro a dar senso al mondo circostante”.
Questo porta, fra altre, alle seguenti raccomandazioni:
- i genitori siano modello, guida e referente d’uso,
- possano migliorare il pensiero critico dei loro figli e
- mantengano lo status di persone a cui rivolgersi in caso di dubbio.
 

Publications and Documents

pdf-icoFamily or Families?
Towards a better understanding of Humanization and Generativity
Download
pdf-icoSocial Networks: portals of truth and faith; new spaces for evangelization.
Message of His Holiness Pope Benedict XVI for the 47th World Communications Day
Download
pdf-icoThe Familiaris consortio (On the role of the Christian Family in the Modern World) thirty years later
Cardinal Carlo Caffarra, Archbishop of Bologna. Bologna, AMBER Association, 22 January 2012.
Download
pdf-icoFamily relationships, how they are presented in the media, and virtual relationshipsNorberto González Gaitano (Pontifical University of the Holy Cross).Giovanni Spadolini’s Hall. Senate of the Italian Republic.International Day of the Family, May 13, 2011.
Download
pdf-icoThe secret of brands. What’s hidden behind the communication of fashion: real needs or only emotive suggestions?The new edition of What’s left of the media by Gianfranco Bettetini and Armando Fumagalli (Quel che resta dei media; Franco Angeli, Milan) has recently hit bookstores.
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Message of John Paul II for the 38th World Communications Day (2004)
"The Media and the Family: A Risk and a Richness ."
Download
giovanni_paolo_ii_50_50Message of Benedict XVI for the 43rd World Communications Day (2009)
"New Technologies, New Relationships. Promoting a Culture of Respect, Dialogue and Friendship."
Download