Lettera di un marito a sua moglie

Lettera di un marito a sua moglie

IL TUO CORPO MI INCANTA!

Mia amatissima sposa:

Vorrei veramente che tu sapessi quanto mi piace il tuo corpo!

Il tuo corpo è per me puro fascino.

E beh, io sono l’unico uomo sulla faccia della terra che ha il privilegio di toccarti, abbracciarti,

accarezzarti.

* * *

Per favore, ascolta quello che ho da dirti…

Sapere esattamente il numero che segna la bilancia ogni volta che ti pesi, non mi dice chi sei.

Per me, ciò che conta realmente è quello che vedo: il corpo di una donna bellissima

che si è consegnata al mio amore.

Quello che altri uomini o altre donne pensano del tuo modo di vestire, di esprimerti, di vivere è senza dubbio importante, però non è essenziale perché tu possa sentirti bella.

* * *

Certo, l’immagine della donna è cambiata…

È evidente che il mondo attuale non apprezza la bellezza di un corpo di madre, solitamente curvilineo e formoso.

Eppure, io non capisco come abbiamo potuto permettere che ci ingannassero in questo modo;

qualsiasi uomo sarebbe immediatamente attratto, catturato e perfino estasiato da un corpo così, per la sua femminilità.

In parole semplici: essere chiamati a conoscere l’interiorità di una donna elegante, che si prende cura della sua bellezza, dietro ai suoi bei capelli lunghi o ad una gonna attraente,

è il massimo.

* * *

Pensaci bene…

Le modelle e le donne di spettacolo “scheletriche”, che sfilano sulle passerelle o recitano sul grande schermo indossando abiti disegnati da persone che vogliono far rimanere la donna della nostra epoca in una perenne adolescenza, rappresentano un assurdo culturale.

Quindi, dal profondo del mio cuore ti confermo ciò che già sai: si sbagliano!

Niente per un uomo è più irresistibile di una donna femminile, prosperosa, che comunica la sua maternità.

Il trucco, i profumi e i tessuti dei tuoi abiti hanno senso quando valorizzano il tuo essere donna: la tua maternità, non quando la nascondono o la espongono troppo.

* * *

Dio pensò alla donna perché potesse piacere all’uomo,

e all’uomo perché potesse legarsi all’amore della sua donna.

La differenza essenziale tra il corpo dell’uomo e quello della donna è questa:

il seno e i fianchi… fonte di sostentamento e culla per dei figli.

Personalmente, mi importa poco della direzione che ha preso la moda attuale,

sempre più distante dalla vita delle donne e delle madri reali, che desiderano ben altro che apparire come dei manichini.

Te lo ripeto: solo un uomo che ama sinceramente sua moglie può dirle veramente quanto è bella.

* * *

Chiaramente, avere dei figli deforma il corpo…

Però, le rughe o le smagliature lasciate dalla maternità o i capelli bianchi, non distruggeranno mai la tua bellezza.

Anzi, ognuna di queste cose sono per me la prova chiara che hai vissuto per amare ed essere amata,

e questo è ciò che ogni essere umano desidera nella parte più profonda di sé.

Tutto cambia col tempo e il tuo corpo di madre rappresenta per me il campo delle tue grandi battaglie, tra le quali, prima di tutto, la nascita dei nostri figli.

* * *

Ti chiedo di non dimenticarlo…

La tua vita di sposa e di madre ti permette di mangiare finché hai fame, di dormire se sei stanca, di sistemarti quando hai tempo. E indovina un po’: vederti (combattere) così mi fa innamorare sempre più di te.

La vita ha bisogno di equilibrio, del giusto mezzo, non di una realizzazione astratta, che trova senso nel “dovere per il dovere”.

E un donna che trova il suo equilibrio, che sta dove può e dove vuole, irradia una forza tale da disarmare qualsiasi uomo. Ed è proprio quello che accadde a me, quando mi innamorai di te.

* * *

Il tuo corpo è il mio focolare…

Al quale sempre devo tornare.

È la prova costante dell’amore di Dio.

Per questo mi impegnai a benedirlo, a farlo crescere, ad amarlo.

Per questo ho deciso di rimanere in te per sempre.

Sentitamente:

il tuo sposo,

incantato dal tuo corpo!