“Scegliere un film”: guida pratica ed economica per orientarsi nel mondo del cinema

“Scegliere un film”: guida pratica ed economica per orientarsi nel mondo del cinema

Di fronte ad una vasta scelta è molto facile perdersi, specialmente se non si hanno criteri chiari che aiutino a cercare ciò che si desidera e a decidere tra diverse possibilità.

Questo vale anche quando ci affacciamo nel vastissimo panorama del cinema: talmente ampia è l’offerta, che rischiamo di buttar via molto tempo e denaro in un intrattenimento di scarsa qualità.

Andare a tentoni, poi, senza avvalersi di guide o consigli, può portarci a sottovalutare alcuni aspetti importanti legati al mondo cinematografico: non tutte le storie sono innocue, alcune falsificano la verità sull’essere umano e un film ha il potere di farlo “lasciando il segno” nella mente e nel cuore dello spettatore. Un film può “raccontarci bugie” su chi siamo e su quale sia il nostro bene, in modo subdolo, nascosto, grazie alla forza dirompente delle immagini e alla potenza comunicativa del racconto.

Insomma, scegliere un film è una azione tutt’altro che semplice e di poco conto.

Il valore aggiunto di una “guida” nella scelta di un film

Ecco, allora, che per orientarsi nel mondo del cinema può essere davvero utile avvalersi dell’aiuto di professionisti nell’ambito della comunicazione (sceneggiatori, docenti di comunicazione, produttori tv), che abbiano competenze sullo storytelling e al tempo stesso una prospettiva antropologica chiara che condividiamo.

E se una guida di questo tipo esistesse già? Se ci fosse una sorta di “manuale”, scritto a più mani da dei professionisti (che abbiano l’umiltà di considerare poco il “gusto personale”, per lasciar spazio a criteri più comuni), al fine di agevolare la scelta e l’analisi critica di un potenziale spettatore?

Ebbene, una cosa simile esiste… dal 2004.

“Scegliere un film”: un libro prezioso per decidere come trascorrere il tempo libero

Scegliere un film , (a cura di Armando Fumagalli e Eleonora Recalcati, Edizioni San Paolo, Pagine: 312, Prezzo: € 19,50, anno 2018) raccoglie i principali film usciti in una stagione cinematografica. L’ultima edizione prende in esame quelli dell’annata 2017-2018.

Nell’introduzione del libro è spiegata la finalità della raccolta: “ Il progetto di una serie di volumi di recensioni cinematografiche, inaugurato nel 2004, nasce con la semplice idea di offrire un servizio alle tante persone che amano il cinema e che desiderano una guida e un orientamento per scegliere un film che sia secondo i loro gusti e che li arricchisca sul piano umano e culturale, o anche semplicemente per un sano divertimento personale o famigliare”.

I criteri di fondo che guidano il lavoro sono due. Il primo è l’importanza attribuita alla componente narrativa del film, il secondo criterio è valutare le storie da un punto di vista radicato in un’antropologia cristiana.

Ogni recensione contiene una trama (senza spoiler), una valutazione della storia e dei valori che propone, mette in guardia sui problemi che possono sorgere nella visione (scene di nudo, violenza ecc.) e assegna un voto da 1 a 5, per favorire un’idea immediata, qualora non si avesse tempo di leggere tutta la critica.

I film recensiti

Il volume prende in esame 50 film in totale: un numero considerevole - se si pensa al lavoro di analisi che c’è dietro a ciascuna pellicola - e rappresentativo del panorama cinematografico, ma al tempo stesso contenuto, se si pensa a quanti film vengono prodotti ogni anno in tutto il mondo.

Dopo aver fatto una cernita accurata, gli autori si soffermano, infatti, solo sui film più significativi: su quelli che hanno attirato particolarmente la critica, che hanno fatto discutere di più o hanno registrato maggiori apprezzamenti e incassi.

Ecco allora che troviamo, ad esempio, la recensione del film Chiamami col tuo nome (di Luca Guadagnino, 2017, con un voto di 2 stelline su 5), che ha fatto tanto discutere per la rappresentazione della relazione omosessuale tra un giovane uomo e un adolescente, ma che ha innanzitutto il limite di mostrare l’amore come mera “passione momentanea”.

Pochi sono i film “pessimi” che si aggiudicano una sola stellina. Uno di questi è, ad esempio, Giù le mani dalle nostre figlie (di Kay Cannon, 2018), dove viene trattato il tema della verginità, unito a quello della “prima volta”, con enorme superficialità.

Non molti sono i film ritenuti “eccellenti”, che conquistano cioè 5 stelline. Tra questi vi è Black panther (di Ryan Coogler, 2018), ambientato in una civiltà africana ai suoi albori, apprezzato per il tema dell’apertura all’altro, della responsabilità individuale e collettiva, che si oppongono alla violenta ideologia.

Molti sono, invece, i film “discreti”, quelli cioè che avrebbero potuto sviluppare ulteriormente il loro potenziale e che si aggiudicano 3 stelline: è il caso, ad esempio, di In due sotto il burqa (di Sou Abadi, 2017), commedia che ha il merito di affrontare in modo leggero e accattivante il delicato tema dell’integrazione tra occidentali e musulmani in Francia, ma che cade a tratti nella superficialità.

E poi ci sono film “buoni”, quelli che “non deludono” e si guadagnano una per una le loro 4 stelline: è il caso di Cars 3, (film di animazione di Brian Fee, 2017), che mette in primo piano, ancora una volta, valori fondanti come l’amicizia, il sacrificio e l’amore.

Per saperne di più, però, non vi resta che acquistare il volume (e, se desiderate approfondire la vostra cultura cinematografica, potete ordinare anche i volumi sui film delle precedenti annate).

“Scegliere un film”: credibilità degli autori e facilità di fruizione

I profili professionali degli autori – scritti dettagliatamente e inseriti all’interno del libro – fanno da garante della serietà del lavoro svolto.

Il volume, inoltre, che si presenta come una sorta di “dizionario” dei film più rilevanti, è molto facile da consultare grazie a degli indici, uno alfabetico e uno di merito (in base cioè al numero di stelline assegnate).

Un lavoro ben fatto, sotto diversi punti di vista, utile e facile da maneggiare. Ci sentiamo vivamente di consigliarlo!