martedì, Luglio 23 2024

Chi l’avrebbe mai detto qualche decennio fa, al tempo dei nostri nonni, che
un giorno si sarebbe potuto acquistare tutto il necessario tramite un
computer o uno smartphone e farselo recapitare direttamente al proprio
domicilio? Eppure da qualche anno il delivery è divenuto un vero e
proprio fenomeno mondiale che ha influenzato tutti i settori merceologici,
perfino quello delicato dell’industria alimentare.

Stiamo parlando del Food Delivery, alcuni dei tanti
fenomeni globali del momento e la cui crescita è in costante aumento.

La storia del delivery

Il fenomeno ha origini lontane, per cultura, tempo e distanza geografica.
America del Settecento: gli hotel delle grandi città coloniali
pubblicizzano un particolare servizio alle famiglie, che potevano
permetterselo, di consegna giornaliera di cibi pronti di qualsiasi tipo
consegnati a domicilio dagli stessi inservienti dell’hotel fornitore.

Il primo esempio di vero e proprio e-commerce in America si avrà solo nel
1994. Dopo 4 anni dalla nascita del World Wide Web, una pizzeria della
catena “Pizza Hut” a Santa Cruz in California apre un sito web dove i
clienti possono ordinare la pizza online.

Food delivery: supporto alla famiglia moderna o perdita di
tradizioni?

Dal veloce percorso storico del fenomeno del Food Delivery
è possibile constatare come tale servizio sia nato e si sia evoluto in base
alle esigenze delle famiglie e delle persone. Non c’è da sorprendersi se
con il tempo molte cose sono cambiate e se tante altre saranno destinate a
farlo. La società odierna chiede di essere veloci, energici e concreti e di
non perdere tempo su cose superficiali o che possono essere demandate a
qualcun altro. In una vita frenetica tra famiglia, lavoro e hobby
personali, diviene sempre più necessario ottimizzare i tempi. La
possibilità di farsi recapitare direttamente a casa la cena, la spesa, il
regalo dell’ultimo minuto già impacchettato all’orario da te comunicato al rider (fattorino addetto alla consegna a domicilio di cibo) sta
acquisendo il ruolo di comoda necessità soprattutto per le nuove
generazioni abituate ormai ad avere tutto ciò che desiderano a portata di
click. Ormai è tutto a portata di mano: un click ed hai solo l’imbarazzo
della scelta. Decidi tutto in autonomia, dall’orario di consegna fino a
tarda serata (in qualche città addirittura fino alla mezzanotte),alla
tipologia di pagamento preferita, fino all’uso di sconti elettronici, punti
e promozioni. E’ possibile leggere i commenti sui riders o scegliere di
ritirare personalmente un ordine presso un punto di consegna o al negozio,
saltando ogni fila e perdita di tempo prezioso. Inoltre, come dimenticare
il supporto dato dalle consegne a domicilio durante tutto il periodo di
crisi appena trascorso.

Con il tempo e con l’inevitabile e costante crescita dei servizi, il
rischio è che le persone tendano, su alcuni aspetti, a essere più propense
alla sedentarietà preferendo l’acquisto di ogni bene dagli store online
piuttosto che da quelli fisici. Inoltre, spesso, uscire a fare la spesa era
un modo per socializzare con il vicino, passeggiare tra i negozi e le
vetrine, utilizzare la scusa “dell’essere in zona” per poi vedersi con un
amico per un caffè o un aperitivo, approfittare dell’uscita anche solo per
staccare la spina o la perdita di alcuni piccoli gesti come il preparare
una cena o un pranzo tutti insieme in cucina. Come ogni cosa, quindi, ci
sono delle valutazioni personali da fare secondo anche la propria indole ed
il proprio modo di pensare che, di conseguenza, si riflette nelle scelte
che si compiono.

Ma che valore sociale e familiare può avere il food delivery? Certo, avere
il pranzo o la cena pronta, cucinata e portata da un ristorante, ci toglie
quel pizzico di magia e calore che la preparazione di un pasto in cucina
sempre ci regala. Ma ci sono anche dei vantaggi. Si potrebbe ad esempio
avere più tempo libero per stare insieme con i propri figli, e magari
organizzare meglio e con più tempo il dopo cena, con giochi da fare tutti
insieme in famiglia o un bel film da vedere. Insomma, il food delivery non
toglie la convivialità a tavola ma anzi la può ravvivare, portando nuovo
entusiasmo ed energia. Scoprite


i nostri consigli per preservare la convivialità a tavola.

Innovazioni digitali? Si ma con criterio

Dopo averne analizzato la genesi e lo sviluppo più o meno imponente nelle
diverse realtà culturali e geografiche quindi, è chiaro a tutti che oggi
più che mai il mondo del food delivery è un Business con un trend che è
destinato a una crescita esponenziale e che frutta e frutterà milioni di
dollari in tutto il mondo.

Inutile negare come quella della spesa on line possa essere una delle
innovazioni che più di tutte ha cambiato il nostro modo di vivere e ci ha
supportato durante alcuni periodi storici importanti come quello appena
vissuto. Come ogni cosa, però, la verità sta nel mezzo.

E’ importante riuscire a bilanciare al meglio ogni scelta e decisione in
modo da riuscire si, ad essere più smart e dedicare tempo libero a cose che
si amano fare, ma allo stesso tempo essere consci che l’abuso di “comodità”
potrebbe in alcuni casi avere risvolti negativi riducendo le opportunità di
uscire fuori di casa e vivere i momenti di socialità che anche una semplice
spesa può donare dopotutto “Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione
del mondo, ma niente, assolutamente niente, sostituisce lo sguardo
dell’essere umano” come afferma il celebre scrittore Paulo Coelho.

Previous

Come ci viene raccontato il Covid? Dal nostro osservatorio, alcuni spunti

Next

Che il matrimonio sia felice

Check Also