domenica, Maggio 26 2024

Il primo smartphone viene regalato tra i 10 e gli 11 anni
nel 60% dei casi. C’è però un 28% che lo
riceve addirittura già prima di compiere i 10 anni. Inoltre, sempre nella
fascia di età tra i 10 e i 12 anni, ben il 54% inizia anche ad avere una vita social con l’apertura
di un account sui social network. Questo è quanto emerge dalla ricerca
italiana “Adolescenti e Stili di Vita”, realizzata dal
Laboratorio Adolescenza e Istituto di Ricerca IARD (curata da Carlo Buzzi,
ordinario di Sociologia dell’Università di Trento), con la collaborazione
della Associazione Culturale Pediatri (ACP) e l’Osservatorio Permanente
Giovani ed Alcol e presentata a Milano.

L’indagine è stata svolta tra i mesi di novembre 2018 e maggio 2019 su un
campione nazionale rappresentativo di 2019 studenti in una
fascia d’età tra i 13 e i 14 anni.

Riguardo alle tipologie di social più utilizzate, si conferma il
progressivo calo di Facebook, sempre più usato dagli adulti e meno dai
giovanissimi, e l’incremento di Instagram. WhatsApp è praticamente
“incorporato” in tutti gli adolescenti. Non ne possono più davvero fare a
meno. E’ onnipresente durante tutta la loro giornata ed è diventato lo
strumento esclusivo con cui comunicare e mantenere relazioni sociali.

Cellulari e sonno

I risultati di questa ricerca italiana evidenziano la precocità dell’uso
delle tecnologie da parte degli adolescenti italiani. A rendere il tutto
ancora più preoccupante, è il dato che quando l’accesso a un social prevede
un’età minima, gli adolescenti in questione mentono sull’iscrizione: il20% indica un’età a caso mentre il 23% dichiara di essere comunque maggiorenne pur non
essendolo.

Inoltre, solo il 7% del campione afferma di dormire almeno
9 ore per notte, mentre il 20% dorme addirittura meno di 7 ore.

Inoltre, il

72% delle femmine e il 58% dei maschi sostiene di avere problemi ad
addormentarsi

, dichiarando di soffrire di una vera e propria insonnia. Naturalmente il
telefonino, è in questi casi l’immancabile compagno di letto di questi
adolescenti. La maggioranza degli intervistati non lo spegne prima di
andare a dormire e, spesso anche nel corso della notte, messaggia con gli
amici. E gli effetti si ripercuotono pesantemente sul proprio riposo.
Afferma di dormire meno di sette ore a notte il 15% di quelli che lo
spengono e il 33% di quelli che lo lasciano acceso.

Ma cosa fanno gli adolescenti quando non riescono ad addormentarsi?

Il 44% delle femmine e il 36% dei maschi navigano su Internet o sui
social

. Solo uno scarso 30% accende la televisione e meno del 10% legge qualche
pagina di un libro. Cresce sempre di più, è proprio il caso di dirlo,
l’insonnia da like.

Previous

Educare i giovani attraverso i classici. Un viaggio sorprendete alla scoperta del valore educativo delle storie

Next

Come comunicare la bellezza di “creare casa”

Check Also