sabato, Giugno 15 2024

I primi segnali di un problema si sono iniziati a vedere intorno al 2014:
più giovani dichiaravano di sentirsi oppressi e depressi. I centri di
consulenza per gli studi universitari avevano riportato un forte aumento
nel numero di studenti in cerca di cure per problemi di salute mentale.

Anche se gli studi mostravano un aumento dei sintomi della depressione e
dei suicidi tra gli adolescenti dal 2010, alcuni ricercatori definivano le
preoccupazioni esagerate e affermavano semplicemente che non c’erano
abbastanza dati per giungere a questa conclusione.

L’idea di un’epidemia di ansia o di depressione tra i giovani “è
semplicemente un mito”, scriveva l’anno scorso, sul New York Times
, lo psichiatra Richard Friedman. Altri suggerivano che i giovani fossero
semplicemente più disposti a ricevere aiuto quando ne avevano bisogno.
Oppure, forse, gli sforzi di sensibilizzazione dei centri di consulenza
stavano diventando più efficaci.

“Ma una nuova analisi, fondata su un sondaggio di vasta portata e
rappresentativo, rafforza ciò che io e altri sostenevamo: l’epidemia è fin
troppo reale. In effetti, l’aumento dei problemi di salute mentale tra
adolescenti e giovani adulti è a dir poco sconcertante.”

Un’epidemia di angoscia

Uno dei modi migliori per scoprire se i problemi di salute mentale sono
aumentati, consiste nel parlare con un campione rappresentativo della
popolazione generale, non solo con coloro che cercano aiuto.

The National Survey on Drug Use and Health

, amministrata dal Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati
Uniti, ha fatto proprio questo.

Ha intervistato oltre 600.000 americani. Le tendenze recenti sono
sorprendenti. Dal 2009 al 2017, la depressione maggiore tra i 20 ei 21 anni
è più che raddoppiata, passando dal 7% al 15%.

La depressione è aumentata del 69% tra i 16 ei 17 anni. Il grave disagio
psicologico, che include sentimenti di ansia e disperazione, è salito del
71% tra i 18 ei 25 anni dal 2008 al 2017.

Rispetto al 2008, è raddoppiato il numero dei tentati suicidi nella fascia
d’età 22-23 anni e il 55% in più ha avuto pensieri suicidi. I dati
rispettivi all’aumento erano più considerevoli tra le ragazze e le giovani
donne.

Nell’arco del 2017, una ragazza su cinque di età compresa tra 12 e 17 anni
aveva sperimentato una grave depressione nell’anno precedente. È possibile
che i giovani siano semplicemente più disposti ad ammettere problemi di
salute mentale? I miei coautori ed io abbiamo cercato di affrontare questa
possibilità analizzando i dati sugli attuali tassi di suicidio raccolti dai Centers for Disease Control and Prevention.

Il suicidio è un comportamento, quindi i cambiamenti nei tassi di suicidio
non possono essere causati da una maggiore disponibilità ad ammettere
problemi. E anche il numero di suicidi è tragicamente salito in questo
periodo. Ad esempio, il tasso di suicidi tra i giovani tra i 18 ei 19 anni
è salito del 56% dal 2008 al 2017. Sono aumentati anche altri comportamenti
legati alla depressione, tra cui i ricoveri nel dipartimento di emergenza
per autolesionismo, come il taglio, così come i ricoveri ospedalieri per
pensieri suicidi e tentativi di suicidio.

L’aumento dei problemi di salute mentale nel National Survey on Drug Use and Health riguarda quasi
esclusivamente adolescenti e giovani adulti, mentre vede meno cambiamenti
tra gli americani dai 26 anni in su. Anche dopo aver controllato
statisticamente le influenze di età e anno, abbiamo scoperto che
depressione, angoscia e pensieri suicidi erano molto più alti nei nati tra
la metà e la fine degli anni ’90, la generazione che chiamo iGen.

La crisi della salute mentale sembra essere un problema generazionale, non
qualcosa che colpisce gli americani di tutte le età. E questo, più di ogni
altra cosa, potrebbe aiutare i ricercatori a capire perché sta accadendo.

Il cambiamento nella vita sociale

È sempre difficile determinare le cause che si trovano alla base delle
tendenze, ma alcune ipotesi sembrano meno probabili di altre.

Un’economia travagliata e la perdita di posti di lavoro, due colpevoli
tipici dello stress mentale, non sembrano essere le cause.

Questo perché la crescita economica degli Stati Uniti è stata forte e il
tasso di disoccupazione è calato significativamente dal 2011 al 2017,
quando i problemi di salute mentale sono aumentati di più.

È improbabile che la causa sia stata la pressione accademica, dato che gli
adolescenti iGen hanno speso meno tempo a fare i compiti in media rispetto
agli anni ’90.

Sebbene l’aumento dei problemi di salute mentale si sia verificato nello
stesso periodo dell’epidemia di oppioidi, quella crisi sembrava interessare
quasi esclusivamente gli adulti di età superiore ai 25 anni.

Ma nell’ultimo decennio c’è stato un cambiamento nella società che ha
influenzato la vita degli adolescenti e dei giovani di oggi più di
qualsiasi altra generazione: la diffusione di smartphone e media digitali
come social media, messaggi di testo e giochi.

Se è vero che anche le persone anziane usano queste tecnologie, i più
giovani le hanno adottate più rapidamente e totalmente. L’impatto sulla
loro vita sociale è stato più signifivativo. In realtà, ha drasticamente
ristrutturato le loro vite, la loro quotidianità.

Rispetto ai loro predecessori, gli adolescenti oggi trascorrono meno tempo
con i loro amici di persona e più tempo a comunicare elettronicamente, cosa
che, studio dopo studio, è stata associata a problemi di salute mentale.

Ad ogni modo, indipendentemente dalla causa, l’aumento dei problemi di
salute mentale tra adolescenti e giovani merita attenzione, invece di
essere declassato a “mito”.

Se ci sono più giovani che soffrono – i tentativi di suicidio e i suicidi
sono di più – la crisi della salute mentale tra i giovani americani non può
più essere ignorata.


Jean Twenge è professore di psicologia alla San Diego State University.
Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi

l’articolo originale

Previous

Netflix tra cultura del cinema e prodotti di consumo

Next

Che libri leggere al ritorno dalle vacanze? Ecco alcuni consigli

Check Also