martedì, Marzo 5 2024

Il 27 giugno 1693 fu stampata la prima rivista femminile della storia. Era
nell’Inghilterra del XVII secolo, che vide alla luce il Ladies Mercury. La sua pubblicazione fu una pietra miliare nella
storia della stampa scritta, diventando la prima rivista dedicata
interamente alle donne.

Tuttavia, non è stato fino al 1944 che l’americana Helen Valentine ha
fondato la prima rivista rivolta esclusivamente alle ragazze adolescenti, Seventeen. “Trattare i bambini come adulti”, questo è stato lo
slogan che ha spinto Valentine a raggiungere questa fascia di popolazione
fino ad allora trascurata.

Al giorno d’oggi, possiamo trovare nelle edicole di tutto il mondo una
grande varietà di riviste dedicate al triangolo per eccellenza del mondo
femminile: bellezza, amore e salute. Tutte queste riviste contengono una
pubblicità aggressiva dove lo shopping e il glamour dominano la maggior
parte delle pagine.

Gli editori di queste riviste di solito non rischiano le vendite – e gli
introiti – proponendo nuovi modelli di comportamento sociale, poiché è più
facile riprodurre ruoli consolidati da decenni, perpetuando stereotipi
tradizionali che oggettivano le donne e tolgono loro ambizione.

Molte riviste, che hanno iniziato con buone intenzioni, proponendo vari
argomenti come ad esempio i suggerimenti sui libri da leggere, sono stati
con il tempo trascinati dalla corrente, pubblicando articoli più frivoli
che sembrano vendere di più.

Ecco perché l’iniziativa della graphic designer Katherine Young nel 2016 è
lodevole. Ha preso la copertina della rivista americana Girls’ Life e l’ha completamente rielaborata. Alcuni dei
cambiamenti radicali sono stati:

– Invece dell’attrice Olivia Holt, conosciuta per i suoi ruoli in Disney
Channel e che appare sulla copertina truccata e ritoccata, ha proposto
l’immagine di Olivia Hallisey, vincitrice dell’ultima edizione del Google
Science Fair Grand Prix.

– Invece di “I capelli dei tuoi sogni”, ha suggerito di parlare di “La
carriera dei tuoi sogni”.

– Invece di parlare di “100 modi e più per avere un impatto il primo giorno
con la moda autunnale” ha proposto “100 modi e più per aiutare gli altri
nella tua comunità”.

– Invece di un “quiz su come ottenere un ragazzo”, ha presentato “un quiz
su come ottenere un curriculum che ti faccia entrare al college”.

Girls’ Life
includeva anche titoli come “Il primo bacio” e “Svegliarsi belli”, che sono
stati trasformati in “Svegliarsi e fare una colazione sana” e “Il primo
errore e come recuperare”.

Come c’era da aspettarsi, Katherine ha causato polemiche ribellandosi a
temi banali. Conoscendo il valore dei media nella trasmissione di valori e
credenze, ha smosso le coscienze.

Cosa voleva ottenere con la sua originale rivista femminile? Scuotere il
pensiero critico dei lettori e influenzare l’opinione pubblica. Spesso
nella nostra società ci sentiamo a nostro agio e non pensiamo se qualcosa è
appropriato o meno, perché è quello che c’è nell’ambiente e ci sembra
normale. Ma spesso bisogna andare controcorrente.

Sono passati sei anni dall’iniziativa di Young, e non sembra che le cose
siano cambiate, né in Girls Life né in altre riviste di questo
tipo. E mi chiedo: è che non c’è interesse per altri argomenti o è che le
adolescenti che comprano questi numeri cercano proprio questo tipo di
informazioni più casuali per disinibirsi dai problemi e dalla frenesia
della vita?

È paradossale, quindi, che con il discorso femminista prevalente, dove la
priorità è rompere con ogni forma di machismo, cadano nella lettura di
questo tipo di contenuti che tendono a rappresentare le donne come semplici
oggetto dei consumi.

Forse la chiave del cambiamento sta nell’affermazione dell’ideatrice della
rivista Seventeen: “Trattare i bambini come adulti”. Forse la
soluzione sta nel rispettare i tempi di ogni fase della vita, mentre allo
stesso tempo può essere una buona opzione essere di mentalità aperta
aprendo la vasta gamma di argomenti che sono di reale interesse per le
donne.

Previous

“The Techlash and Tech Crisis Communication”: la mano invisibile della tecnologia

Next

Tre film d’animazione sul valore dell’amicizia, per piccoli e grandi

Check Also