mercoledì, Maggio 29 2024

I matrimoni più “felici” sarebbero quelli senza figli: a sostenerlo, una

ricerca inglese, condotta dalla Open University.

Secondo l’indagine, svolta su un campione di 5000 persone, le

coppie con prole sarebbero tendenzialmente più insoddisfatte

della loro vita coniugale rispetto a quelle che non ne hanno.

Dunque, o i figli sono “nemici” del benessere coniugale e quindi vanno
evitati “per stare bene in coppia” (cosa che – giusto per precisare – a
lungo termine porterebbe all’estinzione dell’umanità), oppure è vera una
frase pronunciata da una giovane sposa: “I figli sono come il tetto di una
casa: se le fondamenta sono solide, il tetto rende completa la casa,
altrimenti fa crollare tutto”.

Insomma, forse

i figli si possono vedere un po’ come il “termometro” della qualità e
della solidità di un’unione.

Indirettamente, comunque, l’indagine ci pone davanti a molti interrogativi:
cosa intendiamo per felicità coniugale? Cosa ci aspettiamo dalla vita e dal
matrimonio? Siamo in grado di vedere e apprezzarela bellezza del sacrificio? È davvero colpa dei figli, o siamo forse noi sposi, talvolta, a non
essere capaci di “allearci”, di impegnarci a un progetto condiviso e di fare lo slalom tra i diversi
impegni per ricavarci del tempo per noi?

Di questi e altri aspetti abbiamo parlato con una giovane mamma
statunitense di 26 anni, che vive in Germania e ha conseguito la laurea in
filosofia a Roma: Alicia Duren, sposata da quattro anni, mamma di due
bambine. È particolarmente sensibile riguardo il ruolo e il futuro della
famiglia nella società e molto attenta nel cercare motivazioni e risposte
al problema della denatalità.



Secondo lei, perché i figli possono essere percepiti come fonte di
infelicità per la coppia?

Spesso la felicità è identificata con il piacere, con la “tranquillità esteriore”, con l’assenza di pensieri e preoccupazioni. Si ha una
concezione edonistica della felicità. Se la pensiamo così, allora no: i
figli non ci “fanno felici”. Perché portano “disordine”, imprevisti, fanno dormire poco

Ma se la felicità è “darsi” e costruire insieme – anche
nella fatica! – qualcosa di bello e duraturo, allora sì che la famiglia è fonte di gioia!

Io e mio marito non abbiamo mai riso così tanto come in questi anni, ci
rallegra sentire i rumori delle bimbe, vedere la comunità fraterna che
stanno già creando tra di loro. Questa è per noi la vera felicità, la vera
serenità. Certo, abbiamo sperimentato tanti momenti di caos e di preoccupazione, ma non potremmo
mai dire che non siamo “felici” di essere genitori insieme.



I figli, però, tolgono tempo a sé stessi e alla coppia. Cosa può
dire a chi ha paura di aprirsi alla vita per questo motivo?

Che è più bello vivere per qualcun altro che per sé stessi
. Se tu non dai, non perderai niente, ma se non dai non riceverai nemmeno
niente e perderai te stesso.

Quando ero da sola, intendo senza marito e bimbe, la vita era molto più semplice. Avevo più tempo per “me
stessa” – non dovevo pensare a nient’altro che a me! – ma non avevo
qualcosa che mi spingesse a migliorarmi. La vita in famiglia, invece, è un continuo darsi, un darsi
che non solamente migliora la comunità che hai creato, ma migliora te.

Molti vogliono condurre una vita da eterni fidanzati. Altri
invece desiderano dei bimbi, ma rimandano continuamente, negandosi la
possibilità di vivere coi figli i propri anni migliori.

Pensano che avere bambini implichi unaperdita dell’amore che c’è tra di loro, invece è una manifestazione di quell’amore.



Secondo lei, quindi, non sono mai i figli la “vera causa”
dell’infelicità degli sposi…

Posso dire in totale sincerità che adesso, dopo quasi quattro anni di
matrimonio, amo mio marito di più. Perché ora ci siamo donati completamente. Abbiamo
qualcosa di unico (le nostre figlie) che ci unisce in un modo assolutamente
irripetibile. Questo dono, questo “Sì” alla vita, ci ha resi più vicini.

Viviamo il matrimonio come “alleati”, facciamo squadra e ci impegniamo a
non trascurarci nonostante le tante cose da fare. E adesso, proprio perché
dobbiamo fare uno “sforzo in più” per trovarci, è ancora più bello stare
insieme.



Perché se darsi agli altri porta alla felicità, tanti si chiudono
in se stessi?

Secondo me, quelli che inseguono solo la loro “libertà”, che fanno ciò che
vogliono senza pensare agli altri, hanno semplicemente paura. Perché amare
ti rende vulnerabile.

Quando ho tenuto la mia prima figlia nelle mie braccia per la prima volta,
ho sentito un tonfo all’anima, ho sentito un desiderio “puro” di darmi
davvero.Io in quell’instante ero sicura di voler morire per lei; era un
sentimento forte, che nel mio egoismo personale non avevo mai sentito. E
morire per un altro, anche se è meraviglioso, fa paura.



Un’ultima domanda. Le coppie che scelgono oggi di avere molti figli
sono considerate spesso “sprovvedute” o “masochiste”. Cosa pensa
della decisione di avere una famiglia numerosa?

Io sono la più grande di cinque figli e sono consapevole che il dono più
grande che i miei genitori ci abbiano fatto è stato dire “Sì” alla vita.
Tanti decidono di non avere molti figli, perché pensano di non poter dare
loro il meglio. Ma… che cosa è esattamente il meglio?
Quando frequentavo l’università facevo la tata per famiglie ricche che
avevano tutto, tranne la felicità. Sì, è vero che ci sono cose di cui
davvero abbiamo bisogno come un tetto, cibo, educazione, ma un iPhone non
farà il tuo bimbo più felice.

Un fratello da amare è invece il dono più bello che possa ricevere.

Io e mio marito abbiamo due bambine e vogliamo una famiglia numerosa, non
poniamo limiti. Quando dico questo, la prima reazione è di sorpresa, le
persone stentano a crederci, come se fossimo completamente impazziti. È
vero che questa apertura incondizionata alla vita non è per tutti, ma una
cosa è certa:

la nostra cultura vede la vita come qualcosa che ti incatena

… eppure la vera catena è la schiavitù del nostro egoismo, contro cui tutti
– io per prima! – dobbiamo lottare per essere davvero felici.

Previous

Genitori 2.0: quanto la tecnologia può influire sulla crescita psico-attitudinale dei figli?

Next

Al via il nuovo portale Familyandmedia Education

Check Also