martedì, Marzo 5 2024

E’ appena uscito il consueto report annuale

“Digital 2023”

di We are social in collaborazione con Meltwater sui
trend, i consumi e le abitudini digitali a livello globale. Questa nuova
ricerca riscontra dei cambiamenti profondi e anche inaspettati rispetto
agli scorsi anni.

Una fotografia sulle nostre abitudini digitali

Per iniziare, ecco qualche numero sulla situazione relativa al consumo
digitale nel mondo. La popolazione mondiale nel 2023 ha superato gli 8
miliardi. Più della metà, quasi 5,44 miliardi di persone,
usano telefoni cellulari. Gli utenti presenti sul web sono quasi5,16 miliardi. Questo vuol dire che il 64,4% della popolazione mondiale è online
. Ci sono 4,76 miliardi utenti dei social media. In
pratica, più di un utente su due è sui social.

Le novità principali del report 2023

Ecco in sintesi, i principali punti del 2023:

  • cresce il numero di utenti presenti su Internet.
    Il totale degli utenti Internet globali è aumentato del 1,9% negli ultimi 12 mesi. Cresce anche il numero
    degli utenti sui social, con un + 3,0%.

  • diminuisce il tempo trascorso online.
    E’ il dato più interessante nel report di quest’anno. La quantità di
    tempo che trascorriamo online è diminuita di quasi il 5%.
    Secondo la società di ricerca GWI, l’utente medio di internet ha
    ridotto di 20 minuti al giorno il tempo che trascorre sul web, rispetto
    a 12 mesi fa.

    Il tempo speso connessi è sceso a 6 ore e 37 minuti al giorno

    . Una spiegazione potrebbe essere nel recente
    allentamento delle politiche “zero COVID” in Cina che avrebbe portato
    gli utenti locali a trascorrere più tempo nel “mondo reale”. Data il
    numero della popolazione cinese (il 19,5% del mondo), qualsiasi
    cambiamento nei loro comportamenti online avrà probabilmente un impatto
    visibile anche sulle medie globali. Non si può escludere, però, che la
    minor quantità di tempo trascorso online sia una conseguenza indiretta
    del caro vita, dovuto anche alla guerra in Ucraina, che ha costretto a ridurre le spese quotidiane,
    incluse quelle per le connessioni e i consumi media.


  • si evolvono le preferenze sulla scelta delle piattaforme social.

    È comunque sui social media, che gli utenti Internet rimangono per la
    maggior parte del tempo in cui sono connessi. Secondo il report, su dieci minuti trascorsi in Rete almeno quattro sono
    trascorsi sui social, per una media di 2 ore e 31
    minuti spesi ogni giorno su queste piattaforme. Inoltre, se Facebook
    Youtube e WhatsApp sono nell’ordine citato, le piattaforme social più
    seguite, TikTok è l’app social più vista, con una
    media di 23.5 ore mensili.

Perché siamo online

La ricerca di informazioni, è ancora il motivo principale
per cui le persone usano Internet oggi. Secondo GWI, quasi 6 utenti su 10
fanno ancora riferimento a risorse online quando cercano informazioni,
prima di:

  • rimanere in contatto con amici e familiari (53,7%)
  • rimanere aggiornati su notizie e attualità (50,9%);
  • cercare e guardare video (49,7%).

Una ricerca che deve far riflettere

Ma tutti questi dati, che significato hanno? Cosa ci lasciano, a livello
umano e di esperienza di vita? Una cosa è certa: siamo sempre più digitali
e sempre più social. Ma allora quale è la vera sfida del nostro futuro?
Avere una vita più comoda e leggera grazie allo shopping online che ci fa
risparmiare tempo e saltare file in negozio o code per il parcheggio?
Oppure aumentare sempre più la nostra autostima grazie ai followers sui
nostri social? No. E ancora no. La vera sfida per il nostro futuro è
riuscire a creare ancora delle relazioni umane di valore,
come il primo giorno di scuola, quando stringevamo la nostra prima vera
amicizia “reale” con il bambino che ci sedeva accanto, con cui avremmo
condiviso un banco nei nostri anni di scuola, facendo la nostra prima
esperienza di “convivenza”. Oppure relazioni di valore come quella ragazza
conosciuta a ventanni durante un esame di università, tra ansie, paure ma
anche risate e innocenti prese in giro al burbero professore. Ragazza che
qualche anno dopo sarebbe diventata poi vostra moglie e la madre dei vostri
figli. Questa è la vera sfida, a cui tutti dobbiamo puntare, per una vita
davvero migliore e davvero soddisfacente, dove la tecnologia può essere una
bella cornice, ma mai il soggetto del quadro.

Previous

Smartphone e tempo libero: quali sono le tendenze?

Next

Le 3 app che possono migliorarti la vita

Check Also