mercoledì, Aprile 17 2024

Celebriamo il Natale. È tempo di condividere, le famiglie si riuniscono e –
perché no – può essere un bel momento anche per guardare dei film di
Natale, con valori senza tempo. Infatti, anche se gli anni passano, c’è un
messaggio che rimane sempre lo stesso: pensiamo agli altri, a costo di
pensare meno a noi stessi.

Mamma ho perso l’aereo
. Chi non ricorda il ragazzino interpretato da Mac Allister, Kevin? La sua
famiglia vive a Chicago e, a seguito di una discussione in famiglia, Kevin
viene mandato in soffitta.

La mattina dopo, nella fretta di prendere il volo che deve portare tutti a
Parigi per trascorrere le vacanze, Kevin viene dimenticato a casa. Il
bambino, però, nel periodo che trascorrere in solitudine, lontano dai suoi
cari – proprio a Natale – riuscirà ad affrontare un paio di ladri, per
difendere la loro casa.

Diciotto con il nonno
. La famiglia Alonso è una coppia con quindici figli e un nonno. Nel film
ci mostrano, non senza una certa grazia, i pro e i contro di una grande
famiglia: dai mal di testa alla fine del mese a come ci si organizza per
poter andare tutti in vacanza. Un film fantastico da gustare in queste
festività, che culmina con lo smarrimento del figlio piccolo, Chencho,
precisamente nella vigilia di Natale.

La vita è meravigliosa
. Un classico di Frank Capra, che racconta la storia di George Bailey, un
uomo generoso e sempre attento agli altri. Fino a quando, a causa del Crack
del 29, pieno di debiti, decide di buttarsi da un ponte. Per sua fortuna,
però, il suo angelo custode gli va in aiuto: gli mostra come sarebbe stata
la sua vita se non fosse esistito, portando George a riflettere sul
significato delle azioni che si compiono e della propria vita.

Un amore tutto suo.
Film romantico con protagonista Sandra Bullock, una giovane bigliettaia di
metropolitana è segretamente innamorata di uno dei passeggeri. Ma la storia
arriva ad un punto di svolta quando alcune persone gettano quest’uomo sui
binari e lei sente il dovere di salvargli la vita. In ospedale, poiché lui
è in coma, viene scambiata per la sua fidanzata e il pasticcio è servito.
Scoprirà cosa significhi avere una famiglia e al tempo stesso capirà cosa
voglia dire essere veramente innamorati.

The family man
. Un uomo d’affari è in grado di rinunciare all’amore perché ossessionato
dal suo lavoro e da una vita nel lusso. Fino a quando, dopo uno strano
incidente in cui è rimasto coinvolto nella vigilia di Natale, si trova a
vivere un’altra vita, con la sua ex fidanzata, dalla quale si era
allontanato per non compromettere la sua carriera professionale. Il film
offre un assaggio della vita familiare e di cosa significhi avere “una
casa” invece di una vita vuota e senza meta.

Gli eroi del Natale
. Un film per bambini carino, fedele alla storia del primo Natale ma
raccontato dal punto di vista dell’asinello. Maria e Giuseppe sono molto
ben caratterizzati, come lo sono ciascuno dei piccoli animali che
renderanno possibile la nascita di Gesù a Betlemme.

Miracolo nella 34
ˆ
strada
. Dopo un incidente subito dalla slitta di Babbo Natale, il grande
magazzino Macy’s decide di sostituirlo con un altro. Kriss svolge il suo
ruolo così bene che viene assunto per tutto il periodo delle vacanze, fino
a quando arriva a dire di essere il vero Babbo Natale. Un film che fa
emergere la forza delle credenze che teniamo nel nostro cuore.

Joyeux Noel, una verità dimenticata dalla storia.
Film basato su una storia vera, mostra un “cessate il fuoco” avvenuto in
uno dei fronti della prima guerra mondiale: britannici, francesi (ho visto nella trama che c’erano anche i
francesi, che facciamo, li inseriamo?) e tedeschi decidono di passare
insieme la sera prima di Natale, senza sparare, in compagnia. Cantano,
giocano partite di calcio. Un esempio di fratellanza e umanità che può
portare, sebbene sia stato per una sola sera, anche dei combattenti ad
essere amici.

Maktub
. Il protagonista, Diego, è nel bel mezzo di una crisi di mezza età; il suo
matrimonio è in bilico ed è praticamente impossibile la comunicazione con i
suoi figli. Un giorno, però, incontra Antonio, un ragazzo di 15 anni malato
di cancro, ma con una vitalità contagiosa. Grazie a questo incontro e a
infinite coincidenze, Diego sarà in grado di superare la sua crisi
esistenziale. Un film che fa riflettere sul senso della vita e sul nostro
atteggiamento verso le avversità.

Previous

The social dilemma

Next

Uno scaffale personale di classici di ogni tempo e di classici contemporanei

Check Also